Conciliazione Sardegna - Cagliari


Cos'è LA CONCILIAZIONE?
La conciliazione è uno strumento di risoluzione delle controversie civili e commerciali previsto dalla legge(D.Lgs 28/2010 ad esempio nelle materie condominio, locazione, contratti di assicurazione e bancari, responsabilità medica/sanitaria, patti di famiglia ecc) che abbiano ad oggetto diritti patrimoniali. La mediazione è l'attività svolta da un terzo imparziale (Mediatore) e finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa.

La Mediazione è più veloce di un normale processo, la mediazione è più economica rispetto alle spese processuale , la Mediazione gode di incentivi fiscali.


Chi è il conciliatore?
Il conciliatore è un mediatore civile esperto in tecniche di mediazione e gestione dei conflitti, che aiuta le parti a trovare un accordo per risolvere la propria controversia. Il conciliatore è indipendente e neutrale nei confronti delle parti. Gestisce l'incontro di conciliazione aiutando le parti in lite ad esporre i loro problemi e le rispettive pretese, facilitando in questo modo un dialogo tra le stesse. Inoltre, attraverso colloqui separati con le parti, le aiuta a sviluppare nuovi punti di vista e alternative sulle quali trovare, se possibile, un accordo.


Nella domanda di Mediazione Civile congiunta, le parti hanno facoltà di indicare di comune accordo il nominativo del Conciliatore all'interno dell'Organismo prescelto.

In caso di CONCILIAZIONE, il mediatore forma processo verbale a cui va allegato il testo dell accordo. Il verbale deve essere sottoscritto dalle parti , dagli avvocati e dal mediatore che certifica la firma della sottoscrizione delle parti.
L'accordo sottoscritto dalle parti e dagli stessi avvocati costituisce titolo esecutivo per l'espropriazione forzata.
La conciliazione sottoscritta è presentata al giudice del circondario dove ha sede l organismo e acquista in tal modo efficacia esecutiva.

In caso di mancata CONCILIAZIONE, il mediatore può formulare una proposta di conciliazione di propria iniziativa o su richiesta concorde di entrambe le parti. Tale proposta è comunicata per iscritto alle parti, le quali possono accettarla o rifiutarla.
Il silenzio delle parti viene intrepretato come rifiuto della proposta.

Intervista Dott.Gianfranco Mulas (1-parte)-MediationHub

Intervista Dott.Gianfranco Mulas (2-parte)-MediationHub

Organismo di Mediazione - CCIAA di Cagliari
organismo non autonomo della Camera di Commercio I.A.A. di Cagliari



D . l g s 2 8 / 2 0 1 0


D . l g s 180 / 2 0 1 0 aggiornato modifica DM 139/14


Circolare 27 novembre 2013 - l. 98/2013 recante disposizioni su d.lgs. 28/2010.

Circolare 4 aprile 2011 - Regolamento di procedura e requisiti dei mediatori.

Decreto 6 luglio 2011 n. 145 - Regolamento recante modifica al decreto n. 180

Circolare 21 Dicembre 2011 - Interpretazione misure correttive decreto interministeriale 145/2011

mediazione

tariffa mediazione

Facebook Twitter YouTube Linkedin